prof g p vecchiL’Associazione Gian Paolo Vecchi "Pro Senectute et Dementia" - Modena, è sorta con la finalità di aiutare e sostenere i familiari di persone ammalate di Alzheimer della Provincia.

L’associazione si propone di:

attraverso le seguenti attività, rivolte ai familairi dei malati di Alzheimer o Demenze a Modena:

Tutte le attività sono erogate a titolo gratuito, è quindi importante reperire risorse economiche con l’iscrizione annuale (quota 30 euro), donazioni e la destinazione del 5 per mille (C.F. 94085940362)

Banca popolare dell’Emilia Romagna Sede Modena IBAN IT80 A 05387 12900 000000955130
Conto Corrente Postale N° 78037165 IBAN IT12 X 07601 01234 000012345678

caffè alzheimer

Il giorno 22/02/2018 presso la

RSA 9 Gennaio di Via Paul Harris 165, MO, alle ore 15,30

Si svolgerà il

CAFFE’ ALZHEIMER

Argomento:

“I Rimedi del Dr Bach

per i Problemi del Dr Alzheimer “

Relatore:

Graziano Nicoli, Ingegnere dei fiori

Vi aspettiamo numerosi                       Per l’associazione (Emanuela Luppi)

Sono aperte le iscrizioni per l’ANNO 2018 (EURO 30,00)

Via Paul Harris 165 41122 MODENA

Codice fiscale: 94085940362 www.gpvecchi.org e-mail: ass.gpvecchi@libero.it Tel.059283918

ASSOCIAZIONE G.P.VECCHI pro senectute et dementia ONLUS Via Paul Harris 165 MODENA

IBAN: IT80A0538712900000000955130 BANCA POPOLARE EMILIA ROMAGNA

Evidenza

Cerchiamo volontari per il centro di ascolto per due ore al giorno 2/3 giorni alla settimana. Ci stai? Per saperne di più clicca qui

percorso per agevolare l'invecchiamento attivo

Con grande piacere vi invitiamo a leggere le comunicazioni allegate per eventi organizzati presso la sede

Giovani Nel Tempo - Associazione di Promozione Sociale

via Arcoveggio 74/2 – 40129 Bologna

  • Una domenica pomeriggio, il giorno 25/02/2018, dedicata alla bellezza di tutte le donne, che non ha età; è gradita la conferma per una giusta organizzazione;scarica la locandina

 

  • Un laboratorio benessere avrà inizio martedì 20/03/2018 e aspetta le iscrizioni degli over 60 che vogliono avere un invecchiamento di successo. scarica la locandina

 

Un importante riconoscimento internazionale a

"La Rosmarina"

Con orgoglio l’associazione sociale Giovani nel tempo da notizia di questo prestigioso premio!

Devoluto all'associazione G.P. Vecchi di Modena in memoria della Dott.ssa Roberta Francia ricercatrice presso la cattedra di geriatria e gerontologia di Modena con il Prof. Vecchi.

L'Agenda del cuore per la mente, La Rosmarina, indispensabile per chi vuole allenare la mente, per chi deve riattivarla, per i famigliari... ma non solo...

Vince il Primo Premio a Berlino all'assemblea annuale di Alzheimer Europe

"THE ROSEMARY DIARY A TOOL FOR DAILY LIFE"

Un ringraziamento speciale e commosso all'ideatrice Dott.ssa Roberta Francia e tanta gratitudine per il  Dott. Andrea Fabbo che hapredisposto l'Abstract e le relazioni in collaborazione con il Dott. Alessandro Pirani e tutti i suoi impareggiabili collaboratori.

Un Super grazie anche al grafico Pamela Hernandez, ricordando che tutti quelli che hanno reso possibile la realizzazione de "La Rosmarina" hanno operato come volontari.

Per maggiori informazioni visita il sito: www.giovanineltempo.it

GruppiAMA Mo 17 18 03 185747 001

Percorso formativo

“L’Auto mutuo aiuto: una risorsa per il benessere”

La cultura della mutualità, la sua pratica e i gruppi di auto mutuo aiuto

Modena, Sabato 17 e Domenica 18 marzo 2018

Auto aiuto, mutuo aiuto, mutualità: sempre più queste parole sono entrate nel linguaggio quotidiano di coloro che si occupano di promozione e protezione della salute, si tratti di volontari o di familiari, di ammalati o di cittadini.

La stessa Organizzazione Mondiale della Sanità considera la “cultura della mutualità” e i gruppi di auto mutuo aiuto una risorsa fondamentale, perché capace di restituire ai cittadini che vivano un momento di disagio responsabilità e protagonismo, perché permette di umanizzare i servizi rivolti alle persone, e favorire il benessere delle comunità locali.

Inoltre tale cultura costituisce un terreno di incontro ideale ed un importante spazio di crescita per operatori, utenti, familiari e cittadini.

È allora necessario che i volontari e cittadini che hanno a che fare con situazioni diverse di disagio, possano conoscere l’approccio e le potenzialità offerte da questa cultura per comprendere come tradurli in azioni tese al benessere, nel proprio contesto associativo, lavorativo o di vicinato. Proponiamo quindi un percorso formativo di base sulla mutualità e i gruppi di auto mutuo aiuto, rivolto ai volontari degli enti di Terzo Settore (ETS) di Modena, alla rete di organizzazioni e familiari del progetto WELCHOME 2.0 e ai cittadini.

Obiettivi

Il percorso formativo si pone l’obiettivo di offrire ai partecipanti conoscenze e strumenti per promuovere e sostenere, nelle proprie realtà, esperienze di mutualità e gruppi di auto mutuo aiuto, anche attraverso la collaborazione tra i diversi protagonisti delle situazioni di disagio e tra realtà diverse.

Contenuti

· La cultura e la storia dell’auto- mutuo aiuto;

· l’organizzazione, l’attivazione e il funzionamento dei gruppi di auto- mutuo aiuto;

· i principali e possibili ambiti di applicazione;

· il ruolo del facilitatore nei gruppi di auto- mutuo aiuto;

· le difficoltà incontrate dal facilitatore nei gruppi di auto- mutuo aiuto;

· le testimonianze di alcuni partecipanti ai gruppi e di alcuni “helper”.

Metodologia

Il percorso prevede sia momenti di lezione frontale, in cui saranno trasmessi i contenuti teorici, sia momenti di discussione e di lavoro in piccolo gruppo, tesi a stimolare la partecipazione attiva dei corsisti, lo scambio delle esperienze e la nascita di iniziative concrete.

Destinatari

Il percorso è rivolto ai volontari e familiari del progetto WELCHOME 2.0, ai volontari degli ETS della provincia di Modena e cittadini interessati ad approfondire il tema della mutualità, ad attivare all’interno delle proprie organizzazioni gruppi di auto mutuo aiuto, a lavorare insieme anche ad altri volontari di altre realtà.

Docente

Docente del percorso sarà Stefano Bertoldi, formatore a livello nazionale e internazionale sull’auto- mutuo aiuto, ideatore e fondatore Associazione “A.M.A. Auto Mutuo Aiuto” di Trento, formatore del Centro Studi Erickson di Trento.

Calendario e sede degli incontri

Il percorso avrà una durata complessiva di 12 ore, articolate su due giornate (un fine settimana) secondo il seguente calendario:

- Sabato 17 marzo ore 9.00-13.00 e 14.00-18.00

- Domenica 18 marzo ore 9.00- 13.00

Gli incontri si terranno presso il Centro di Servizio per il Volontariato di Modena in Viale della Cittadella 30.

Informazioni e iscrizioni

Per ulteriori informazioni è possibile contattare i recapiti sotto indicati. Per partecipare al corso, che sarà realizzato solo a fronte di un numero minimo di iscrizioni, occorre compilare la domanda di partecipazione  ed inviarla (via posta, via fax o via e-mail) ai medesimi recapiti. È possibile iscriversi da subito e comunque entro mercoledì 7 Marzo 2018. Sarà cura del Centro di Servizio richiamare gli interessati per confermare l’avvenuta iscrizione prima dell’inizio del corso.

Centro di Servizio per il Volontariato di Modena – Area Formazione

Viale della Cittadella, 30 - 41123 Modena

Tel. 059/212003 - Fax 059/238017

Sito web: www.volontariamo.it

Referenti:

Isabella Morlini- responsabile: isabella.morlini@volontariamo.it

Sonia Venturini: sonia.venturini@volontariamo.it

I Centri di Servizio ricevono i finanziamenti dalle Fondazioni bancarie. Nella provincia di Modena sono presenti: Fondazione Cassa Risparmio di Modena, Fondazione Cassa Risparmio di Carpi, Fondazione Cassa Risparmio di Vignola, Fondazione Cassa Risparmio di Mirandola.

PROGETTO: “IN-FORMA MENTIS”

Progetto a cura di
Petra Bevilacqua
Daniela Tagliaferri
Andrea Fabbo

Progetto promosso da

  Circolo dell’Amicizia S. Pio X - Piazzetta S. Murialdo - Modena

In collaborazione con

logo1

Parrocchia San Pio X
Via Bellini 101 
Modena – 059 360240
Via Rainusso 58 - 41124 MO
Tel. 059-890879 - 059-828456
anteas@cislmodena.org
165, Via Harris Paul
41122 MODENA (MO)
Tel. 059 283918
Via Mazzini G., 81
41043 Formigine (MO)
Tel. 059 571948

 

[PROGETTO “IN-FORMA MENTIS”: ALLENAMENTO MENTALE E FISICO] 

Petra Bevilacqua, psicologa-psicoterapeuta contatto: petra.bevilacqua@hotmail.it

Daniela Tagliaferri, terapista della riabilitazione contatto: tagliaferridany@libero.it

logo2

 

 2° Corso “In forma mentis” - corso di ginnastica mentale e fisica.
Gli 8 incontri si svolgeranno nella giornata di venerdì, a partire:
dal 2 febbraio 2018 e termineranno il 23 marzo 2018 (compreso).


Il corso sarà tenuto c/o il Circolo dell’Amicizia Parrocchia San PIO X Modena, da Dr.ssa Petra Bevilacqua Psicologa e Dr.ssa Tagliaferri Daniela terapista della riabilitazione; entrambe con esperienza nell’ambito degli interventi nella persona anziana. Coordinamento dr. Andrea Fabbo.

Introduzione

L’invecchiamento della popolazione è un argomento che acquista sempre maggiore importanza in una società come la nostra, che sta vivendo una sorta di ‘rivoluzione demografica’. Infatti, mentre la proporzione di giovani decresce continuamente, aumenta sensibilmente l’incidenza delle classi di età sopra i 65 anni e, all’interno di questa grande categoria, aumenta il peso dei grandi vecchi (80 anni e più).
L’invecchiamento della popolazione è tipicamente accompagnato da un aumento del carico delle malattie non trasmissibili come le patologie neurodegenerative (tra queste la malattia di Alzheimer rappresenta la forma di demenza con maggiore incidenza) o patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico, che causano alla persona malata progressiva perdita dell’autonomia funzionale, per effetto della degenerazione delle funzioni cognitive e motorie del sistema nervoso
centrale. Le malattie croniche rappresentano un cambiamento negativo in termini psico-fisici (diminuzione della qualità della vita ed elevata comorbilità con altre patologie) ed in termini economici, a causa della lunga durata, i costi che il sistema sanitario deve sostenere costituiscono una fetta importante degli investimenti e del bilancio economico nazionale.
Accanto alla maggiore incidenza di malattie neurodegenerative, la stragrande maggioranza delle persone anziane manifesta variabilmente una minore efficienza nel funzionamento della memoria, delle altre funzioni cognitive e sul piano motorio conseguente ad un fisiologico processo d’invecchiamento cerebrale, in assenza di una riduzione delle autonomie nella vita quotidiana. Tali disturbi lamentati derivano in realtà da un declino invecchiamento-dipendente della velocità di
elaborare delle informazioni, della capacità di concentrarsi e di svolgere simultaneamente più attività mentali e fisiche. Con il trascorrere del tempo aumentano anche le limitazioni motorie dovute principalmente a patologie muscolo-scheletriche (traumatologiche, ortopediche, reumatologiche) che possono comportare disagi nello svolgimento delle attività della vita quotidiana, alterando la percezione di una vita autonoma ed il movimento nel proprio ambiente.
Lentamente ci si dimentica come ci si muoveva in gioventù, si perde la voglia di stare in movimento, di “giocare”, di sentirsi/ascoltarsi, mantenendo attive le funzioni motorie e propriocettive. Un anziano richiede, quindi, più tempo per memorizzare e per fare qualsiasi movimento nelle attività che caratterizzano le attività della vita quotidiana! Con il progredire dell’età diminuisce anche il tempo in cui un anziano riesce a concentrarsi. Ciò non ha niente a che vedere con la memoria,
bensì con una maggiore affaticabilità mentale correlata all’età.
Attualmente, la medicina non è in grado di prevenire, cioè di evitare, la demenza in età geriatrica.
È possibile tuttavia agire per incrementare i fattori protettivi e ridurre quelli di rischio. L’allenamento formale della memoria e delle altre funzioni cognitive cerebrali e l’allenamento del corpo, mediante una ginnastica dolce, rallenta in modo significativo la velocità del loro declino fisiologico con un potenziale guadagno temporale sulla manifestazione clinica di una eventuale futura demenza.
Alla luce del rapido invecchiamento della popolazione italiana e del conseguente numero crescente di nuovi casi di demenza ogni anno, gli interventi rivolti alla stimolazione delle funzioni cognitive, come l’allenamento della memoria e la ginnastica dolce, sono di grande interesse per cercare di ridurre l’impatto socio-economico di questa malattia.                                  

Obiettivi del progetto di allenamento della mente e del corpo.     

Il progetto di allenamento della mente e del corpo è rivolto a persone sane con più di 60 anni, ed è un intervento volto alla prevenzione del decadimento cognitivo ed allo sviluppo di contesti di promozione del benessere, oltre che a costituire un importante strumento di socializzazione e aggregazione.

Gli obiettivi specifici dell’allenamento della memoria si possono riassumere in:

 ottimizzare le capacità sensoriali
 allenare le naturali capacità di apprendimento
 migliorare la meta-memoria
 migliorare il tono dell’umore e soddisfare il bisogno di maggiori momenti di integrazione sociale

Il “nucleo centrale” dell'intervento di ginnastica verte su esercizi specifici per migliorare:

 la forza muscolare
 la coordinazione dinamica generale
 l'equilibrio miotensivo e posturale
 la respirazione

Gli incontri di ginnastica mentale e fisica per la terza età prevedono inoltre:

 attività semplici (di livello crescente) e motivanti
 spazio alla fantasia e al gioco
 lavoro attivo da parte dei partecipanti

Un'attività cognitiva e motoria combinata di gruppo è rivolta a far acquisire un maggior livello di benessere psico-fisico collocandosi all’interno dei progetti di prevenzioni e di invecchiamento attivo.

Modalità di attuazione del corso:

Il corso sarà tenuto c/o il Circolo dell’Amicizia Parrocchia San PIO X Modena, da Dr.ssa Petra Bevilacqua Psicologa e Dr.ssa Tagliaferri Daniela terapista della riabilitazione; entrambe con esperienza nell’ambito degli interventi nella persona anziana. Coordinamento dr. Andrea Fabbo.

Per una buona riuscita degli interventi l’attività si svolge mediante incontri di gruppo con massimo 18 partecipanti per ogni gruppo, il quale verrà condotto da entrambe le professioniste.

Iscrizione c/o il Circolo dell’Amicizia S. Pio X (Piazzetta S. Murialdo) entro il 16 gennaio 2018.
Gli 8 incontri si svolgeranno nella giornata del venerdì, a partire del 2 febbraio 2018 e termineranno il 23 marzo 2018 (compreso).
Il primo turno si svolgerà dalle 16 alle 18, il secondo dalle 17 alle 19.
 
Nella settimana precedente, in data da confermare agli iscritti al corso, verranno fatte le valutazioni individuali per costituire i gruppi.
I due gruppi verranno costituiti in base anche all’età:
1) gruppo età maggiore di 75 anni (da 76 in su);
2) gruppo età compresa tra 60 e 75 anni;

In base alla valutazione individuale alcune persone potrebbero essere inseriti in gruppi diversi dal criterio “età”, questo per creare gruppi omogenei, per facilitare l’andamento delle attività e rendere i gruppi numericamente bilanciati. Il gruppo NON deve avere problematiche cognitive già inquadrate (ovvero NON devono essere in carico dal geriatra e/o neurologo per problemi cognitivi) e/o limitazioni fisiche (problemi ortopedici o neurologici che impediscono il normale svolgimento degli esercizi), e deficit sensoriali importanti (udito e vista).

Ogni corso è costituito da un totale di 8 incontri di 2 ore ciascuno, strutturati come segue:

 Parte iniziale: descrizione e spiegazione della componente di memoria su cui si intende lavorare;
 Parte intermedia: lavoro mediante esercizi mirati all’allenamento di quella componente di memoria o abilità cognitiva specifica;
 Parte finale: attività di ginnastica dolce con attività mirate ad allenare anche le funzioni cognitive, potenziamento delle funzioni sensoriali (capacità visiva ed uditiva), la consapevolezza del proprio corpo;
 Allenamento a domicilio: consegna di esercizi da svolgere nei giorni che intercorrono tra un incontro e l’altro attraverso la distribuzione di materiale fornito dai conduttori.

Al termine del percorso sarà valutato anche l’indice di gradimento dell’intervento mediante la compilazione da parte di ogni partecipante di un’apposita scheda di valutazione. Ogni incontro prevede un coinvolgimento attivo delle persone sia individuale che di gruppo. I corsi saranno aperti alla cittadinanza.

Materiali a carico dei partecipanti:

 uso degli occhiali per la lettura (se necessari)
 acquisto di un listino o raccoglitore ad anelli per la raccolta del materiale consegnato ad ogni sessione;
 un abbigliamento comodo (tipo tuta) e scarpe da ginnastica per effettuare le attività in completa libertà e sicurezza;
 un tappetino da ginnastica (dimensioni 180x60 circa) personale (costo 3-5 euro) ed un asciugamano da viso Costi del progetto.

Ad ogni partecipante è richiesto un contributo pari a 70 euro per la partecipazione all’intero pacchetto di 8 incontri.
Per la conduzione delle attività previste dal progetto è previsto, per ciascuna conduttrice, un compenso (comprensivo di materiali e relativa preparazione del setting) di 1100 euro (800 a corso + 300 valutazioni).

Responsabili del progetto e conduttrici del corso:

Petra Bevilacqua, psicologa-psicoterapeuta, esperta in interventi psico-sociali come prevenzione ed intervento nelle patologie degenerative dell’anziano;
Tagliaferri Daniela, terapista della riabilitazione, con esperienza di interventi fisioterapici individuali e di gruppo per persone con limitazioni fisiche e problematiche cognitive di tipo degenerativo.


Bibliografia essenziale:
BEN, http://www.epicentro.iss.it/problemi/anziani/anziani.asp
Bottiroli S. et al. 101 modi per allenare la memoria, Newton Compton Editori, Roma, 2011
Papagno C., Come funziona la memoria, Edizione Laterza Bari 2003
Bacci M., Non perdiamo la testa. Esercizi per la memoria, Mattioli 1885, 2008

Master "Psicologia architettonica e del paesaggio"

Psicologia Architettonica 1

CLICK

CITTA ISTRUZIONI PER LUSO ULTIMO 001CITTA ISTRUZIONI PER LUSO ULTIMO 002

Aggiornato il 06 febbraio 2018

da Marzia

-----------------------

Per conto dell'Associazione G.P.Vecchi per l'aiuto e sostegno dei Familiari di malati di Alzheimer di Modena e Provincia, con le notizie sul progetto 'Fiori di Bach' per i CAREGIVER ed i malati di  ALzheimer, con la collaborazione degli allievi della Scuola di Floriterapia di Milano, notizie su Caffè Alzheimer a Modena, per nuove iniziative di sostegno ai Familiari e caregiver dei malati di Alzheimer di Modena e provincia.